Una curiosità tira l’altra

                Lo sapevi ché

  • Lanzarote, antica di ben  180 milioni di anni, è stata la prima isola a formarsi nell’arcipelago Canario.
  • Una nota negativa è l’avvento abbastanza raro della “calima“, sabbia che arriva direttamente dal Sahara e che, oltre a sporcare case e strade, porta con sè un caldo terribile.
  • Chinijo è il nome del piccolo arcipelago che si può ammirare dal Miradòr del Rio, ma si usa anche per indicare  cose piccole, come ad esempioi bambini.
  • Immancabili sono i tornei di “lucha canaria“, lotta canaria. Una  disciplina sportiva tipica delle Canarie che ha come base la lotta e si pratica in un’arena. Davvero interessante e tipica delle isole, tanto che viene insegnata anche a scuola!
  • I racconti dei “lanzaroteñi” narrano  di quando i loro figli venivano mandati all’università nelle città della Spagna e chiedevano ai passanti dove fosse la stazione della “guagua”   e di come questi li guardassero straniti non capendo di cosa stessero parlando… il motivo è che solo alle Canarie il termine “guagua” significa autobus. La parola “guagua” fu importata dai cubani, molto numerosi sull’isola; infatti è un termine usato nei paesi latino-americani.
  • Plinio il Vecchio, famoso storico  e naturalista dell’antica Roma, in un suo racconto narra che il re della Mauritania aveva inviato una spedizione in quelle che i romani chiamavano Islas Afortunadas (Isole Canarie) oltre le Colonne d’Ercole, (Stretto di Gibilterra) qui la spedizione si imbattè in una razza di cani feroci. Per questo motivo le chiamarono Isole Canarie (dal latino can-is).
  • Le bellissime  Saline del Janubio sono fra le poche ancora operative di tutto l’arcipelago e continuano a produrre ben 15.000 tonnellate di sale ogni anno.
  • Sarebbe di origine genovese il nome “Lanzarote” e precisamente deriva  dal nome di un esploratore sbarcato sull’isola nel XIV secolo, il suo nome era Lanceloto Malocello.
  • Fino a qualche anno  fa la “cochinilla“, insetto dal colore rosso, parassita abitante prevalentemente dei cactus, aveva un ruolo fondamentale nell’economia dell’isola. Infatti i liquidi di questo piccolo insetto, veniva utilizzato per creare tinture naturali con cui a tingere soprattutto i vestiti ma era anche molto usato come colorante alimentare. Con l’avvento delle tinture sintetiche il mercato è crollato.
  • Si racconta che agli astronauti della spedizione Apollo 13, prima di affrontare il viaggio verso la luna, siano state mostrate alcune foto del Parco del Timanfaya per dare loro un’idea di cosa avrebbero incontrato sul nostro satellite!
  • Proprio per le sue peculiarità paesaggistiche, Lanzarote è stata scelta come scenario per alcuni film molto famosi come ad esempio “Moby Dick”, “Viaggio al Centro della Terra” e “Doctor Who” , oltre alla famosa pellicola di Almodovar “Gli Abbracci Spezzati” la cui seconda parte è stata quasi interamente girata qui a Lanzarote.
  • Il Gran Meteor è un grande monte che si trova sotto il livello del mare ad ovest dell’Arcipelago Canario. E’ un vulcano sottomarino di grandi dimensioni, denominato “guyot”, ha una superficie di 1465 km2 e un’altezza di 4800 metri a partire dal fondo dell’oceano; si innalza fino ad arrivare a 270 metri sotto la superficie del mare. Fu scoperto nel 1925 dal sub tedesco Meteor da cui prende il nome.
  • In alcune zone del Parco Nazionale del Timanfaya, la terra è incandescente. Nel ristorante El Diablo, unico ristorante del Parco, si  può mangiare la carne preparata direttamente su una grande griglia o le famose papas arrugadas, la griglia funziona con il solo calore emanato dalle viscere della terra.
  • Presso Los Jameos del Agua, vive una specie di granchio cieco albino, esemplare unico al mondo.
  • L’unico albero in grado di sopravvivere agli incendi è il pino canario, grazie alla sua corteccia molto spessa. E’ anche in grado di rigenerarsi dopo un incendio.
  • L’uso della marijuana sull’isola è legale e può essere acquistata, in maniera regolamentata dalla legge, nelle apposite “Cannapharmacia“, sono  associazioni dislocate in tutti e 7 i comuni di Lanzarote.
  • Agatha Christie iniziò due racconti (ambientati a Tenerife) durante una visita nell’arcipelago: “Miss Marple e i Tredici Problemi” e “Il Misterioso Signor Quinn”.
  • L’unica razza autoctona di dromedario riconosciuta in Europa, è quella presente nell’arcipelago Canario.
  • Lanzarote e tutte le Canarie in genere godono di più di 3.000 ore di luce solare annuali, il che ne fanno il posto più soleggiato d’Europa.
  • I “lanzaroteñi” anticamente erano chiamati “conejeros” a causa dell’alto numero di conigli presenti sull’isola. Tutt’ora vengono chiamati ancora così dagli abitanti delle altre isole vicine.

Commenti chiusi